In questa sezione saranno pubblicate news, inerenti campi ed impianti sportivi Nazionali, che siano da noi pubblicati o da chi interessato

This section will be published news, relevant fields and National sports facilities that are published by us or by those interested



10 novembre 2018

Infortuni terreni di gioco: se la manutenzione è scarsa è possibile chiedere il risarcimento danni

 


 


Succede spesso che durante lo svolgimento di questa attività sportiva, dilettantistica, professionistica o amatoriale, i calciatori possano subire infortuni dalle cause svariate, quali ad esempio gli scontri di gioco o e defezioni dell’impianto.

Nello specifico è opportuno chiarire che, in base alla narrazione dei fatti e tenendo conto della così detta “scriminante sportiva” derivante dall’accettazione del rischio da parte degli atleti, la responsabilità civile conseguente ad un infortunio sportivo possa ricadere sul gestore del campo sportivo dove si è tenuta la partita o sul giocatore avversario che ha causato l’infortunio.

 

Di contro all’ascesa dei così detti sport minori, permane l’ingerenza del calcio quale attività popolare, praticata da adulti e bambini.

Al momento, concentreremo l’attenzione sugli oneri del gestore dell’impianto, in altre parole sulla ripartizione della responsabilità per i danni provocati al calciatore da problemi legati alla struttura, come le porte, le recinzioni, il terreno e la cattiva manutenzione.

Ebbene, plurimi orientamenti giurisprudenziali sostengono che qualora il giocatore si faccia male sul terreno di calcio, il gestore o proprietario dell’impianto è sempre responsabile fatto salvo i casi in cui provi che: il danno deriva da caso fortuitoè provocato dal danneggiato stesso o è insito nella natura tipica della attività calcistica e del rischio a cui si sottopongono coloro che decidono di giocare.

La responsabilità del gerente, quindi, prescinde dall’onere della prova che in altre fattispecie sarebbe a carico di chi ha subito il danno.

Nella gestione degli impianti ed attrezzature per lo svolgimento dell’attività sportiva, è titolare di una posizione di garanzia, ai sensi dell’art. 40, II° comma, c.p., che lo vincola, anche ai sensi dell’art. 2051 c.c., a garantire l’incolumità fisica degli utenti e ad adottare ogni misura idonea ad impedire che vengano superati i limiti del rischio connaturato alla normale pratica sportiva.

È chiaro come tra gli oneri posti a carico del gestore/proprietario vi sia la manutenzione del manto erboso.

Tuttavia, nel caso l’infortunio occorso possa essere ascritto alla cattiva manutenzione del giardiniere o dell’azienda che ha realizzato la messa in opera del sintetico, lo stesso può essere chiamato in causa per il risarcimento dei danni patiti dal ricorrente.

Per quanto concerne il prato naturale, è importante che il manutentore svolga la propria attività con competenza e professionalità, prendendosi cura del terreno di gioco degli stadi.

In linea con questa esigenza di professionalizzazione del sistema sportiva, si evidenzia l’introduzione sul mercato, nazionale e internazionale, di figure professionali quali ad esempio i groundsman.

A cura dell’avvocato Valentina Porzia

Per info ed approfondimenti, scrivere a: avvocato@valentinaporzia.com

 


Cosenza-Verona non si gioca per impraticabilità del campo e adesso i calabresi rischiano lo 0-3

 

SERIE B 01 settembre 2018 - 18:57

 

Nonostante la corsa per rendere il campo agibile, a Cosenza non si giocherà e il match tra la squadra calabrese e il Verona, che doveva iniziare questo pomeriggio alle ore 18 allo stadio San Vito-Marulla, è saltato. I lavori per il rifacimento del manto erboso erano ancora in via di ultimazione in prossimità delle ore 18 e dalla Lega è stato ritenuto giusto non disputare il match. Alle 17:15 si è tenuto un sopralluogo con i due capitani, il pallone è stato fatto rimbalzare ma il Verona soprattutto storceva il naso dinnanzi alla situazione.

Il Cosenza commenta la situazione sul proprio sito ufficiale: “La società Cosenza Calcio comunica che la gara tra Cosenza ed Hellas Verona non sarà disputata a causa della decisione assunta dal Direttore di gara che non ha ritenuto praticabile il terreno gli gioco in alcune zone del manto erboso. Si invitano i sostenitori ad allontanarsi dall’impianto”. La nota si conclude affermando che ci saranno altre comunicazioni nelle prossime ore. La squadra ospitante rischia lo 0-3 a tavolino.


Il pericolo sotto i nostri piedi?

 

Il pericolo sotto i nostri piedi ?: Un certo numero di articoli sui media riguardanti i possibili rischi per la salute legati a campi artificiali hanno spinto Turf Matters a indagare ulteriormente e, come suggerisce Scott MacCallum, dobbiamo evitare di seppellire le nostre teste nella briciola di gomma.

Sto per raccontarti una storia molto triste della mia infanzia, quindi non essere imbarazzato per avere un fazzoletto vicino.

Dovevo avere circa dieci anni e ho avuto il mio primo animale domestico. Un bel coniglio grigio che abbiamo chiamato Bilbo Baggins, dopo il personaggio di Lo Hobbit, che mio padre ci stava leggendo in quel momento. 
Bilbo è stato grande. Mangiava lattuga, si contraeva il naso, faceva in modo che il mio compito settimanale di pulire la sua hutch fosse una ricerca utile e in genere diventasse un membro della famiglia. 
Bilbo è morto. Un secondo coniglio Leggermente più robusto e bianco questa volta, si è insediato. Anche lui si chiamava Bilbo Baggins. Avendo preso tempo per imparare un nome non sembrava esserci molto senso nell'implementare un nuovo nome per l'animale domestico di famiglia. Bilbo è morto.

Fu solo molti anni dopo che qualcosa mi venne in mente. La hutch di Bilbo, uno splendido esemplare su cui io e, immaginai entrambi i Bilbo, erano estremamente orgogliosi, era, come ricordo, la riprovazione! 
E il motivo ? era fatto di amianto. A quel tempo, i primi anni '70, l'amianto era una sorta di materiale meraviglioso. Tuttavia, da allora alcune delle sue proprietà più mortali sono diventate ampiamente conosciute e ora la parola "amianto" invia brividi alle spalle di chiunque conduca un'indagine a domicilio o un rapporto a casa, mentre i locali commerciali vengono chiusi, o isolati, se anche una piccola quantità è rivelata.

La triste scomparsa di Bilbos mi è venuta in mente di recente con le notizie di un giovane portiere morto di cancro. Aveva giocato su lanci 3G per un considerevole periodo di tempo e suo padre aveva espresso il timore che l'intaso di gomma potesse aver contribuito alla sua condizione. In effetti suo padre aveva già scritto al governo chiedendo una moratoria sulla costruzione della briciola di gomma 3G nei campi di calcio.

Un incidente meno tragico ha visto un mio collega finire in ospedale dopo che la briciola di gomma si è infilata in un taglio ricevuto mentre faceva un placcaggio su un campo artificiale. 
Mi ha fatto pensare. La briciola di gomma è considerata la chiave per rendere le altezze artificiali come quelle naturali, rivoluzionando i costi di manutenzione e aumentando i volumi di gioco. A tale proposito è superbo, ma il pensiero fastidioso nella mia testa è - la gomma sbriciolata è il nuovo amianto?

Ora non si attribuisce alcuna colpa a chi riteneva che la briciola di gomma fosse la soluzione perfetta per rendere le superfici artificiali tanto buone quanto potrebbero essere. Dopotutto è stato il riciclaggio - che non può essere cattivo, e tutto ciò che è stato, è stato un uomo Michelin ricostruito, non è vero?

Ma siamo andati avanti e dobbiamo fare in modo che quello che produciamo per gli amanti dello sport, dai bambini in età scolare al fenomeno del calcio a piedi, debba essere sicuro.
Turf Matters ha parlato con un certo numero di esperti nel campo dei filler di gomma: scienziati indipendenti, agenzie governative e l'organismo europeo incaricato di produrre la relazione in tutti gli aspetti della materia. Purtroppo, le persone più riluttanti a discutere apertamente la questione con noi sono state le persone coinvolte nel settore stesso - spesso segnalazioni, che hanno affermato che qualsiasi rischio per la salute derivante dal contatto di coinvolgimento con la briciola di gomma è minimo.

Altrove, si continua a lavorare sull'argomento e ci sono altri paesi - gli Stati Uniti e l'Olanda per nominarne solo due - che sono più proattivi e si stanno già allontanando dai campi di gomma.

E come uno scienziato rispettato, che ha fatto molto lavoro sull'argomento, ci ha detto: quando si tratta di salute pubblica, il precetto dovrebbe essere "In caso di dubbio, non farlo". 
È un momento chiave per l'industria, in quanto l'ECHA, l'Agenzia europea per il settore chimico, pubblicherà le sue ultime scoperte alla fine di questo mese. Forse arriveranno alla conclusione che le preoccupazioni per la salute sono minime, quindi non abbiamo nulla di cui preoccuparci. Tuttavia, se vengono riportate prove di problemi di salute genuini, beh ...

Prenditi del tempo per leggere le pagine seguenti: molte sono di natura tecnica e altamente specialistica, ma abbiamo cercato di prendere le informazioni pertinenti e, senza sminuire, evidenziare entrambi i lati di ciò che è un problema molto importante - e poi prendere in considerazione le domande che vorrei porre a coloro che sono coinvolti nella produzione, installazione e manutenzione di superfici sportive con gomma da intaso: quelle con cui abbiamo parlato e coloro che hanno rifiutato di discutere la questione con Turf Matters.

Sei sicuro al 100% che la tua briciola di gomma sia sicura? E se la prima risposta è solo "Piuttosto sicura" o "Non proprio" - cosa stiamo facendo? 
La promessa di Turf Matters è semplice: qualunque cosa tu stia facendo per rendere sicure le tue superfici artificiali, ti daremo spazio nella nostra rivista e sul nostro sito web per permetterti di evidenziare il tuo lavoro. Ricorda, Turf è importante, ma le vite contano di più.

Fare i titoli

Preoccupazioni crescono sul potenziale collegamento tra l'erba artificiale e il cancro ...

A febbraio, il governo federale ha lanciato un nuovo sforzo per studiare i problemi di salute legati al manto sintetico, poiché crescono le preoccupazioni circa i possibili rischi di cancro per i milioni di atleti che giocano in campi artificiali in tutto il paese. Ora, un ex giocatore di calcio che ha contribuito a convincere i federali a indagare sul problema dice che più di 200 atleti l'hanno raggiunta dopo aver ricevuto la diagnosi di cancro.

Amy Griffin, un portiere della squadra nazionale statunitense che ha vinto la prima Coppa del Mondo femminile nel 1991, ha monitorato informalmente i giocatori di calcio americani con il cancro dal 2009, quando ha notato che un "flusso di bambini" che giocava a calcio su campi artificiali si era ammalati.

Griffin, ora capo allenatore associato per la squadra di calcio femminile dell'Università di Washington, ha detto alla NBC nel 2014 di aver sentito da 38 giocatori di calcio a cui era stato diagnosticato un cancro. Il conto è salito a 220 atleti, 166 dei quali calciatori.

Tra i giocatori di calcio, 102 erano ex portieri come Grifin. Trascorsero più tempo a terra e furono più esposti agli intasi di gomma - i piccoli pallini di gomma trovati in erba artificiale - dei loro compagni di squadra.

"Non sto affermando nulla su ciò che sta accadendo con questi giocatori", ha detto Grifi. "Ma questo problema non sta svanendo. Sta andando nella direzione opposta. " 
Non è stato scientificamente provato che gli atleti esposti a briciole di gomma hanno tassi di cancro più alti rispetto alla popolazione generale, e l'industria del manto sintetico insiste sul fatto che il suo prodotto sia sicuro. La ricerca mostra che i granuli di gomma in briciole, fatti di pneumatici riciclati, possono contenere sostanze chimiche tossiche, metalli e sostanze cancerogene, ma non necessariamente a livelli che minacciano la salute umana. 
Ma l'attuale mancanza di consenso scientifico sulla questione sottolinea il motivo per cui la ricerca federale aggiuntiva è importante. L'ultima volta che l'Agenzia per la Protezione Ambientale ha studiato i granuli di gomma nel 2009, ha trovato sostanze potenzialmente dannose nel materiale, ma solo abbastanza da meritare un "basso livello di preoccupazione".

Quest'anno, l'EPA ha affermato di non poter più sostenere questo studio - che era limitato a quattro campi di crumbrubber - e ha annunciato uno studio di follow-up con altre agenzie federali che valuteranno la ricerca esistente, testeranno diversi tipi di gomme e coinvolgeranno il pubblico, inclusi atleti e genitori.

Gli studi esistenti da parte di agenzie governative federali, statali e locali "non sono stati progettati, né sono stati sufficienti per dimensioni o scopo, per trarre conclusioni sulla sicurezza di tutti i campi in tutta la nazione", ha detto la portavoce EPA Laura Allen a The Huffington Post. "Non riescono a rispondere in modo esauriente a domande su quali potrebbero essere i possibili rischi derivanti dall'esposizione."

The Daily Telegraph 15/10/2016 
Perchè i campi 3G vengono strappati in Olanda per paura della salute 
Sam Wallace, Chief Football Writer

I genitori dei ragazzi dell'Accademia dell'Ajax De Toekomst di Amsterdam hanno ricevuto lettere la scorsa settimana per rassicurarli sul fatto che d'ora in poi, non solo i loro figli non avrebbero giocato su nessuno dei tiri da 3 campi del club con briciole di gomma, ma quelle piazzole erano state rimosse .

È stata una rapida risposta ai risultati di un documentario sull'emittente pubblica olandese NPO, che ha rivelato gravi carenze nella ricerca sponsorizzata dal governo nel 2006 che aveva dichiarato la briciola di gomma sicura, dando così inizio al boom del 3G.

Da 300 piazzole 3G in Olanda 10 anni fa ce ne sono più di 2.000, in un paese in cui l'erba artificiale e le 120 tonnellate metriche di gomma usate su ciascuna di esse - equivalenti a 20.000 pneumatici sminuzzati - è un grande affare.

Gli atteggiamenti scoperti in Olanda da Zembla sono stati a dir poco scioccanti. L'anno scorso il governo olandese è stato spinto con successo dal settore artificiale e dalle industrie dei pneumatici a non applicare nuovi standard UE per la sicurezza dei giocattoli alle briciole di gomma. Il timore in Olanda è che l'eredità di briciole di gomma da 3 tonnellate sarà nota solo da alcuni anni a questa parte.

Venerdì, il presidente della Fifa Gianni Infantino ha sollecitato un'indagine sulle proprietà cancerogene della mollica di gomma e ha detto che, a conti fatti, preferirebbe che Fifa avesse investito i $ 4 miliardi stanziati per lo sviluppo del calcio nei prossimi 10 anni sulle superfici naturali.0*

Molti club olandesi si trovano ora di fronte alla difficile decisione di chiudere i campi di briciole di gomma 3G ai bambini, in particolare con i genitori preoccupati dalle prove contro il rapporto del 2006. La stessa domanda verrà posta alla Fondazione Cruy ff, lanciata dal compianto Johan, che finanzia "Cruy ff Courts" nei quartieri di tutta l'Olanda - piazzole 3G, con l'obiettivo lodevole di dare ai bambini un posto dove giocare.

Un appaltatore olandese, la cui azienda dispone di piazzole 3G, ha detto ai giornalisti di Zembla che ci sarebbe stato un composto più sicuro che potrebbe essere usato al posto della mollica di gomma, un in fiuto fatto con sughero e la fi bra di gusci di cocco. Il problema era che costava 15.000 in più a passo, cosa che rendeva impopolare.

Inoltre, non ha il supporto della gomma e della gomma, sotto pressione per riciclare milioni di pneumatici vecchi ogni anno.

Gli investigatori di Zembla hanno portato i loro risultati alla FA olandese, la KNVB, che ha accettato che lo studio del 2006 fosse valido quanto un documento scientifico. Nel quartier generale della KNVB a Zeist vicino a Utrecht, equivalente a St George's Park, hanno anche un campo 3G. Interessato, il giornalista di Zembla Roelof Bosma ha chiesto, che tipo di in fiuto ci hanno usato? L'uomo del KNVB si prese un momento e rispose che preferivano il tappo alla briciola di gomma.

Prossimi passi

Turf Matters ha cercato di parlare con un numero di persone coinvolte con la briciola di gomma, sia l'installazione, la manutenzione, o il test di esso, per telefono o via email. Alcuni non hanno risposto affatto e la maggior parte di coloro che erano riluttanti a discutere la questione, o ci hanno detto che tutte le prove disponibili avevano dimostrato che rappresentavano un rischio minimo, o ci hanno indirizzato alle pagine delle domande frequenti sui siti Web o ci hanno consigliato di parlare agli esperti riconosciuti nel campo. Quindi abbiamo fatto ...

Il professor Andrew Watterson, 
professore Andrew Watterson, della Stirling University, ha studiato il tema della gomma da masticare per diversi anni.

"Sorprendentemente, dopo decenni di utilizzo, mancano ancora conoscenze dettagliate sul possibile assorbimento di sostanze chimiche - alcuni noti agenti cancerogeni - dalla gomma briciola nei campi 3G e le loro miscele", ha detto a Turf Matters.

Inoltre, non è noto come le sostanze chimiche si disgregano nella mollica di gomma e l'impatto sulle soglie "sicure" per queste sostanze chimiche e sui loro ef fetti a medio e lungo termine, che potrebbero avere, né, in effetti, come potrebbero combinarsi con una serie di altre sostanze chimiche a cui le persone potrebbero essere esposte.

"Ci sono stati anche problemi in passato riguardo all'accuratezza o alla completezza di alcune delle schede di dati di sicurezza delle briciole di gomma", ha rivelato il dott. Watterson. 
Egli mette anche in dubbio la qualità e la quantità dei processi di ispezione che hanno lo scopo di assicurare che coloro che lavorano con la briciola di gomma o giocano su di esso non abbiano problemi di salute. 
"Ci sono vere domande da porre in merito alla protezione di coloro che fabbricano gomma per molluschi e quelli che installano e gestiscono lanci 3G. Non sono a conoscenza del fatto che gli o ffi catori delle norme di commercio o gli addetti alla tutela dell'ambiente hanno effettuato controlli sanitari su utenti o lavoratori su campi da gioco 3G e campi da gioco in gomma per bambini.

"Ho presentato una richiesta alla Libertà di informazione all'Esecutivo per la salute e la sicurezza riguardo alla gomma della briciola e mi hanno detto che da quando REACH è entrato in vigore nel 2007, non ha effettuato alcuna ispezione, monitoraggio o applicazione delle misure sui prodotti chimici REACH presenti nella gomma briciola e tappeto artificiale ", ha rivelato.

"Un buon precetto in materia di salute pubblica è" in caso di dubbio no ". Quando si potrebbero ottenere grandi popolazioni esposte anche a piccole dosi di sostanze chimiche pericolose, specialmente in punti vulnerabili dello sviluppo umano, per un lungo periodo di tempo, questa è una vera preoccupazione. 
"Se sono disponibili prodotti con livelli inferiori di questi prodotti chimici pericolosi in gomma briciola, sarebbe logico utilizzarli. Se sono disponibili alternative come il sughero e il cocco, che non presentano rischi di esposizione, allora è ancora meglio. Entrambe le opzioni potrebbero essere disponibili ora. " 
Un portavoce del governo ha detto a Turf Matters, in un commento che rispecchiava il consiglio che veniva dato da Health Protection Scotland.

"La partecipazione allo sport e all'attività fisica ha notevoli benefici per la salute, sia fisica che mentale. Tuttavia, è anche importante che coloro che partecipano adottino le pratiche igieniche di base. 
"La più recente relazione dell'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) ha dichiarato che c'era un livello molto basso di preoccupazione quando si gioca su campi artificiali contenenti briciole di gomma. Raccomandava alle persone di adottare misure igieniche di base quando giocavano su quelle superfici, come farebbero quando si pratica sport sull'erba o su qualsiasi altra superficie.

"Gli organi direttivi dello sport stanno lavorando per fornire una consulenza generale sull'igiene nei prossimi mesi in consultazione con la Public Health England", ha detto il portavoce, che ha parlato a nome di una serie di enti - Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport; Sanità pubblica Inghilterra; La FA; Premier League; Football Foundation; Rugby Football Union and Sport England. 
Tuttavia, il rapporto ECHA ha elencato anche una serie di altre raccomandazioni, tra cui:

- Prendere in considerazione modifiche al regolamento REACH per garantire che i granuli di gomma siano forniti solo con concentrazioni molto basse di IPA e qualsiasi altra sostanza pericolosa pertinente 
- Chiedere ai proprietari e agli operatori di campi esistenti (all'aperto e al coperto) di misurare le concentrazioni di IPA e di altre sostanze in granuli di gomma utilizzati nei loro campi e rendere tali informazioni disponibili alle parti interessate in modo comprensibile 
- Chiedete ai produttori di granuli di gomma e alle loro organizzazioni commerciali di sviluppare linee guida per aiutare tutti i produttori e importatori di gomma (riciclata) a testare il loro materiale
- Chiedere alle associazioni sportive e calcistiche europee e ai club di collaborare con i produttori interessati per garantire che le informazioni relative alla sicurezza dei granuli di gomma nei manti sintetici siano comunicate in modo comprensibile ai giocatori e al pubblico in generale. 
- Avere proprietari e operatori di campi coperti esistenti con granuli di gomma in fi ls garantiscono una adeguata ventilazione pubblica.

Il dott. Watterson non è al corrente di nessuna di queste raccomandazioni che sono state portate a termine.

American Research 
Rubber Brumb è qualcosa che sta esercitando alcune delle migliori menti, non solo nel Regno Unito e in Europa, ma anche attraverso lo stagno.

I chimici della Yale University, Gaboury Benoit e Sara Demars, hanno esaminato nove pacciame casalinghi fatti con gomma da mollica e sei campioni di gomma da briciole dei campi sportivi negli Stati Uniti per scoprire cosa era presente.

Hanno testato un numero maggiore di sostanze chimiche rispetto a qualsiasi ricerca precedente e hanno trovato 92 composti e una serie di sostanze chimiche e irritanti che causano il cancro. Alcuni di questi risultati potrebbero essere rilevanti per il Regno Unito, altri non perché le fonti, il trattamento, il trattamento e l'uso della gomma per mollica nei pani domestici e nelle piazzole sportive artificiali possono variare molto. 
Il professor Benoit è Grinstein, professore di chimica ambientale presso la Yale's Environment School.

Hanno stimato che fino a 20 sostanze chimiche cancerogene potrebbero essere eliminate dalla briciola testata. Hanno notato, un punto spesso trascurato altrove, la mancanza di ricerche sulle particelle molto piccole che potrebbero essere prodotte in gomma briciola e assorbite attraverso la pelle umana. Avevano ulteriori dubbi sulla gamma di sostanze chimiche che potrebbero essere prodotte nel processo di produzione della gomma briciola. Hanno trovato informazioni sui rischi per la salute solo su circa la metà dei 92 composti identificati con il resto non testato.

Hanno inoltre scoperto che "percorsi di esposizione umana in relazione a pneumatici triturati sono poco conosciuti e quasi impossibili da simulare o testare".

I risultati di questi ricercatori aggiungono quindi alla nostra conoscenza dei potenziali rischi umani derivanti da noti rischi di gomma da briciola e sottolineano la necessità costante di una grande cautela nel loro uso per tutti coloro che potrebbero essere esposti.

Commento dell'ECHA 
Nel mese di giugno 2016, la Commissione europea ha chiesto all'ECHA di effettuare una valutazione preliminare in merito alla possibilità che la presenza di determinate sostanze nei granuli di gomma riciclata utilizzati come rivestimento in campi sportivi artificiali possa rappresentare un rischio per la salute. Nel febbraio 2017, basandosi sull'analisi della letteratura scientifica pubblicata, l'ECHA ha pubblicato la sua valutazione e la conclusione è stata che "la raccolta di gomma riciclata causa un livello molto basso di preoccupazione".

Da allora, l'ECHA e le autorità olandesi (RIVM) hanno continuato a esaminare questo aspetto a causa delle incertezze emerse, per determinare se sono necessarie ulteriori azioni. In particolare, i Paesi Bassi, in collaborazione con l'ECHA, stanno studiando se limitare l'immissione sul mercato di plastica, gomma e altri granuli contenenti IPA al di sopra di un limite di concentrazione stabilito. 
Se è stato concluso tale restrizione, la proposta dovrebbe essere pubblicata quest'estate (20 luglio 2018).

In breve, se le autorità finiscono col proporre che la Commissione dovrebbe decidere un limite più severo per gli IPA nelle briciole di gomma, ciò potrebbe significare che nell'Unione europea si applicherebbe la stessa soglia già utilizzata nella restrizione relativa ai giocattoli. 
Attualmente il limite di concentrazione nelle miscele, come la briciola di gomma, è dello 0,1% o dello 0,01% a seconda del tipo specifico di IPA. Gli IPA che si verificano nella gomma riciclata utilizzata in articoli, come i giocattoli, hanno un limite di concentrazione dello 0,0001%.

Alternative?

Il sughero è considerato un'alternativa in pieno con livelli di prestazioni simili senza i problemi di salute della briciola di gomma. È più costoso e non soddisfa il compito di essere un prodotto riciclato. Tuttavia, c'è un'altra opzione e, forse non sorprende, proviene da una delle poche aziende che erano felici di parlare con Turf Matters sull'argomento.

Murfitts Industries opera nel settore del riciclo dei pneumatici dal 2002, ed è stato circa cinque anni dopo che Mark Murttt è venuto a conoscenza dei sussurri provenienti dagli Stati Uniti in merito ai problemi di salute associati.

"La mia risposta è stata quella di portare il miglior esperto che potevo e chiedergli cosa poteva dirmi e gran parte di questo, in quel momento, era una prova aneddotica", ha ricordato Mark, che successivamente ha lavorato per sviluppare un'alternativa in piena sicurezza. .

Ammira il lavoro dell'ECHA, il cui mandato egli descrive come "fondamentalmente per proteggere gli esseri umani e l'ambiente in generale dalle sostanze chimiche che usiamo".

"Quello che hanno fatto è stabilire dei limiti per i prodotti di consumo, e questi sono un milligrammo al chilo per otto idrocarburi policiclici aromatici (IPA) specificati trovati in" Articoli "e metà di 0,5 milligrammi al chilo per i bambini".

Qualsiasi prodotto che aderisce a queste restrizioni è classificato come un "Articolo". Ad esempio, la plastica su un passo artificiale, vale a dire le fibre che costituiscono i fili dell'erba artificiale, è classificata come un "articolo" e soggetta alle rigide normative. La briciola di gomma in coda è classificata come una "Miscela", che ha un insieme molto diverso di limiti accettabili.

"Abbiamo pensato che fosse un po 'strano. Una "miscela" ha un limite di PAH che è migliaia di volte più alto di un "articolo", il che significa che la briciola di gomma che porti a casa nelle calze, scarpe, orecchie è legalmente autorizzata ad avere livelli di PAH più alti rispetto alle fibre di plastica sul passo ", ha spiegato Mark. 
"Da un lato, i lanci 3G sono brillanti e aiutano la campagna a rendere le persone più attive, ma d'altra parte, genitori e allenatori temono di lasciare giocare i propri figli su campi artificiali. 


"Come potremmo alleviare quelle paure? Sappiamo che la nostra mollica di gomma è un brillante riempimento per le prestazioni, ma non soddisfa i criteri come un "Articolo" - sebbene dalla legislazione esistente non sia necessario. Quindi, come possiamo prendere quel materiale e renderlo migliore e più sicuro?

La risposta?

"Abbiamo sviluppato un rivestimento in poliuretano che non rilascia PAH o metalli pesanti e incapsuliamo i granuli di gomma in modo che l'ibrido contenuto soddisfi i criteri come articolo. Si chiama PRO-gran, "disse Mark.

"Lanciato a novembre, PRO-gran sta suscitando interesse da tutto il mondo. Stiamo assistendo a un significativo fabbisogno di una prestazione elevata in termini di prestazioni che offre eccezionali prestazioni, dura per tutta la durata del campo e soddisfa i criteri di tossicologia dell'UE come articolo.

 

"È perfettamente naturale che gli standard continuino ad aumentare, così dovrebbe essere. Non ha senso la società attraversare i secoli e non diventare un po 'più intelligente. Abbiamo solo un crack in questo posto! "Ha aggiunto.



Conferenza stampa pre-corso Tuscia

PRESS CONFERENCE  Uni Tuscia                          Viterbo 04/18




Il caso Milik

THE MILIK CASE


PRESS CONFERENCE Confcommercio                        Pisa  10/17



 MISSION 

 

IFGI è un Istituto di recente costituzione (2017), che basa la sua attività su pluriennali e consolidate conoscenze ed esperienze nel settore della preparazione, manutenzione e rigenerazione dei terreni dei campi sportivi (compreso verde pubblico ed urbano)
L' IFGI ha l'obiettivo di formare giardinieri e amatori del settore, tecnici comunali, periti agrari e agronomi, in quel settore sportivo dove sta nascendo una maggiore sensibilizzazione professionale da parte di Enti, Federazioni, Società, Media.
La funzione chiave è quella di intraprendere tutte le attività legate alle strutture sportive campi di calcio, rugby, etc. al fine di rispondere in modo adeguato alle esigenze dei vari responsabili del settore e garantire che il sito sia mantenuto ad un ottimo livello di standard.
La qualifica che IFGI rilascia è “Groundsman” e ciò significa:
- applicazione corretta dei concimi di sintesi e Bio, fitosanitari, e razionale uso idrico;
- manutenzione preventiva in pre-emergenza, come spesso non accade, pianificata su varie tipologie di campi;
- analisi dei processi vitali naturalmente presenti, con presupposto del risparmio delle risorse, mettendo in pratica metodi e sistemi all’avanguardia già sperimentati.
In concreto il Groundsman si occupa di applicare a fondo i processi naturali che stanno alla base della vita, in modo particolare di quella vegetale, minerale e dei microrganismi, sfruttando esperienze ventennali dei docenti stessi, unito ad un circuito di esperti internazionali in continuo contatto con il mondo scientifico sulle evoluzioni delle essenze e dei loro fabbisogni vitali, non di meno il supporto con linee guida che i colleghi inglesi saranno disposti a scambiare, per offrire al mondo agronomico sportivo, soluzioni efficaci e sostenibili.
Sostenibilità è il concetto di riferimento centrale per IFGI ed è l'elemento guida sia nelle proprie attività che nelle applicazioni quotidiane per un ritorno sempre più Bio, evitando dilavamenti inquinanti, dati da eccessi ed evitabili sprechi.

Le offerte IFGI si basano su nuove tecnologie, servizi e prodotti all'avanguardia, e si articolano su due settori principali:


FORMAZIONE
IFGI intende un percorso, già collaudato dal 1934 dai Groundsman inglesi, i quali in termini di manutenzione del verde, hanno tracciato le linee guida. Il Corso è composto da più livelli, in modo da mettere in risalto l'utilità dei moduli di studio sia in fase teorica che pratica.
IFGI Mediterraneo, adeguandosi al suo clima di transizione e non Continentale, offre ai Team di manutenzione una formazione nel campo della pedologia con diversa provenienza, struttura e composizione; possibilità di scelta varietale sia da microterma che da macroterma e quant'altro. Tali variabili imprescindibili ci hanno messo in condizioni di valutare e modellare una mirata preparazione così da creare un programma di studio ed approfondimento adeguato alle esigenze temporali.

 

PROFESSIONE
L'assenza ad oggi di Interlocutori tra società sportive, amministrazione comunale e società manutentrici, la mancata presenza di una figura professionale Groundsman ed ancora la mancanza di un Tecnico gestore del budget iniziale, per poter garantire un tappeto verde seguito da performance di gioco ed incolumità dei giocatori stessi, oltre ad una buona cultura agronomica delle essenze utilizzate, hanno fatto si che tale nuova figura (in Italia) si renda indispensabile.

 

 Primo Groundsman:

-saranno coloro che vigileranno le operazioni annuali delle ditte per terzi, possessori di macchinari utili a quelle operazioni di movimento strutturale del terreno di gioco;

- seguiranno una tabella di lavoro con cadenze mensili o meglio stagionali, che andranno sempre più ad affinare, anno dopo anno adeguandosi alle esigenze del campo in gestione nel loro territorio;

- avranno particolari attenzioni biologiche, dove il punto di partenza sarà sempre e comunque un’attenta valutazione delle condizioni pedologiche del campo dopo scrupolosa analisi del terreno.

 

 

 

IFGI is a recently established institute, which bases its activity on many years of experience and consolidated knowledge in the field of preparation, maintenance and regeneration of land in sports fields (including public and urban greenery).

The goal of the IFGI is to train gardeners and amateurs of the sector, municipal technicians, agricultural experts and agronomists, in the sports sector where a greater professional awareness is emerging from organizations, federations, companies and media.

The key objective is to undertake all activities related to sports facilities. football, rugby, etc. in order to respond adequately to the requirements of the various managers in the sector and to ensure that the site is maintained at an excellent standard.

The qualification that the IFGI issues is “Groundsman” and means:

-correct application of Synthetic and Bio-Phytosanitary fertilisers, and rational use of water;

 

- preventative maintenance in pre-emergency if it were to happen,

planned on different types of fields;

- analysis of the naturally vital processes present, with the conditions of saving resources, putting cutting edge techniques into practice and systems which have already been tested. 

 

More specifically, the Groundsman deals with the fundamental application of the natural processes that underlie life, particularly the vegetal, mineral and micro-organisms, making the most of the twenty-years experience of the teachers themselves, combined with a circuit of international experts in continuous contact with the scientific world on the evolution of the cores and their vital needs, also support with guidelines that the English colleagues will be willing to exchange providing the agronomic sporting world with effective and sustainable solutions.

Sustainability is the central reference concept for  IFGI  and is the guiding element both in its activities and in everyday applications for an increasingly organic return, avoiding polluting washouts, excess data and avoidable waste.

 

IFGI offers are based on new technologies, services and cutting-edge products, and are divided into two main areas::

 

 TRAINING

 IFGI intends to follow a path, already tested since 1934 by the English Groundsman, who in terms of maintenance of the green, have drawn the guidelines, the Course is composed of several levels, in order to highlight the usefulness of the study modules is in the theoretical phase that’s practised.

IFGI  Mediterranean, adapting to its transition and non-Continental climate, provides maintenance teams with training in the field of pedology with different origins, structure and composition; possibility of varietal choice both from microterma and from macroterma and so on. These essential variables have enabled us to evaluate and model a targeted preparation so as to create a study program and in depth analysis appropriate to temporal requirements.

 

PROFESSIONAL

 The absence of spokespeople between sports clubs to date, municipal administration and maintenance companies, the lack of presence of a professional Groundsman and still the lack of a technical manager of the initial budget to ensure green turf followed by performance of play and safety of players themselves, besides a good agronomic cultivation of the used cores, have made sure that this new professional category (in Italy) becomes indispensable. 

 

 First Groundsman:

- will be those who will supervise the annual operations of companies for third parties, owners of machinery useful for those operations of structural movement of the pitch;;

- will follow a data sheet with monthly or better seasonal cadences, which will be more and more refined, year after year adapting itself to the needs of the field under management in their territory;

- will have particular biological attention, where the starting point will always be a careful evaluation of the soil conditions of the field after scrupulous analysis of the terrain.